Storia

 

Il 25 luglio del 1865 per “andare incontro alle classi più umili e bisognose” Andrea Ballerini fonda a Pietrasanta la società di pubblica assistenza “Associazione di carità”, allo scopo di “trasportare i defunti, gli ammalati” e dare “loro assistenza”. L’Associazione, con sede nel palazzo Pretorio, nell’aprile 1897 prende il nome di Croce Verde. Ciò avviene in occasione del pronunciamento unanime del consiglio comunale a favore del conferimento del titolo di ente morale alla Associazione di carità.

Sin dai primi anni di attività alcuni soci si dedicano al trasporto  dei defunti a mezzo di una barella a spalla. Il trasporto funebre, che avviene alla sera per consentire agli operai di partecipare, è preceduto dal crocefisso e da una lanterna e se il defunto è un socio vi prende parte anche il consiglio con la bandiera del sodalizio. Anche il trasporto sanitario è fatto con una barella a spalla poi sostituita con una portantina a cinghi e, dal 1880, da un volantino a due ruote.

E’ del 1920 la prima autoambulanza a motore della O.M.

e di tre anni più tardi la seconda con due lettighe sovrapposte

mentre in sede è già costituita e pronta ad intervenire una squadra di pompieri.

Nelle trasferte e alle manifestazioni pubbliche l’Associazione è accompagnata dalle musiche della banda diretta da Giuseppe Lucchesi e da Oberdan Ricci.

Il 24 di dicembre 1905 viene inaugurato il “ricovero per i poveri vecchi” costruito dai soci della Croce Verde su un terreno donato dal Comune di Pietrasanta.

Per gli infissi e gli arredi è aperta una sottoscrizione pubblica, mentre la strada e i giardini vengono realizzati dal Comune. La Croce Verde ha il compito di amministrare e dirigere il ricovero. Nel tempo l’immobile vede molti miglioramenti: la lavanderia, i bagni, nuove camere. Nel 1933 vi prendono sevizio le suore dell’ordine della Sacra Famiglia.

Nel 1935 viene costruita la cappellina, staccata dall’edificio principale, il cui interno in marmi pregiati si deve alla Scuola d’Arte “Stagio Stagi” di Pietrasanta. Il ricovero  diventa poi la “casa di riposo”che la Croce Verde gestisce nell’antica sede fino al 2002, anno in cui l’attività viene trasferita a Villa Ciocchetti, oggi residenza sanitaria assistita convenzionata con la Asl 12 Versilia, acquistata nel 2008 dalla stessa Croce Verde.

Tornando alla sede dell’Associazione, nel 1921 il presidente Giulio Pasquini  avvia le pratiche per la realizzazione di nuovi locali inaugurati nel 1930 dal presidente Vincenzo Ballerini, figlio del fondatore. L’Associazione si trasferisce così nell’attuale sede fatta costruire nello stallaggio, di proprietà comunale, del palazzo che fu di Ferdinando I dei Medici.

Dall’ingresso, attraverso una scala in marmo donata da Oberdan Ricci, si sale alla sala delle adunanze oggi intitolata al presidente Maurizio Tosi. Nella foto si vede un grande tavolo centrale utilizzato ancora oggi.

Nel 1940 l’Ufficio del Registro di Pietrasanta concede in affitto al presidente Cesare Palla, per 20 lire, porzione dell’orto annesso al fabbricato cosiddetto della Posta Vecchia allo scopo di allargare il piazzale della nuova sede dell’Associazione. Nel 1960 viene costruito un fabbricato ad uso bagni pubblici, oggi sede dei volontari. Qui si svolgono ancora oggi le attività istituzionali:  

soccorso sanitario

trasporto degli ammalati

   

Protezione Civile

 

onoranze funebri, protezione civile

 antincendio boschivo oltre a numerosi corsi di formazione